Il grandioso Carnevale di Supersano piccola città del Salento, ma molto attiva

Supersano è un piccolo centro salentino, famoso per il Bosco del Belvedere che dall’alto di una collina  il suo  centro storico .

Tra i monumenti principali da visitare c’è sicuramente il castello feudale eretto nel ‘500 rimaneggiato nel corso dei secoli, il Santuario della Madonna di Coelimanna, costruito nel ‘700 e restaurato nel corso dell’800 sopra al quale possiamo visitare   una cripta basiliana con resti di affreschi ed iscrizioni greche e latine, risalenti al XIII sec.

Degna di nota è anche la chiesa parrocchiale eretta nell’800 su una preesistente costruzione del XVIII sec. dove al suo interno si nota  un fonte battesimale romanico.

Nel passato Supersano era famosa per le sue sarte e sarti che producevano pregiati abiti su misura. Oggi questa tradizione resiste e si è rinnovata con la giovane  Annamaria Cacciatore  rinomata stilista di abiti  da sposa.

In preparazione del Carnevale le mamme e le nonne  riprendono l’ago e il filo in mano per cucire costumi di incomparabile bellezza per i figuranti del Carnevale supersanese , che sono ben 1200.

L’appuntamento  per le sfilate dei carri e le rappresentazioni dei figuranti è  fissato per il  pomeriggio di domenica 3 e martedì 5 marzo per le vie principali del paese e termina nella grande piazza Magli alla presenza di un folto pubblico .

I temi dell’edizione 2019 del Carnevale di Supersano sono: il rispetto del mare e dell’ambiente, la pedofilia, la difesa dei bambini, tanti personaggi e colori per raccontare  le favole più belle e conosciute

I vincitori sono stati decretati dal voto segreto della giuria di  giornalisti appositamente arrivati da Milano, Roma, Verona e Parigi.

Per la categoria Gruppi mascherati juniores il premio è andato a Quando la neve cade. I bambini ridono e la natura ascolta”.

Per la categoria Gruppi mascherati senior il 1° premio è stato assegnato a “Come è profondo il mare: la più grande discarica del pianeta“; il 2° premio a “Non calpestare le mie mani, sono un bambino, la forza del domani” ; il 3° premio a “Un’armonia di note e di colori“.

Per la categoria Carri allegorici ha vinto il 1° premio “Felice non è, chi d’esserlo non sa”; il 2° premio “Dipendenza … ma che rabbia. Ti rinchiude in una gabbia“.

Concorso social: I colori del vento

Premio migliore maschera di gruppo : La felicità … un’armonia di note e di colore (la maschera a tre teste di cartapesta – nella foto).

Anche quest’anno il Carnevale di Supersano, voluto e realizzato dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Bruno Corrado, ha coinvolto l’intera cittadina e alcuni paesi limitrofi  , che hanno  lavorato per la scelta degli argomenti , la realizzazione dei vestiti, la scelta delle colonne sonore e delle coreografie.

Il viaggio dei giornalisti  prevede anche una sosta sui due mari del Salento : lo Jonio e l’Adriatico, con  un’escursione a Santa Maria al Bagno sullo Jonio, per  visitare il Museo dell’Accoglienza e della Memoria, che ricorda l’arrivo degli ebrei sopravvisuti  e liberati dagli Alleati dai campi di concentramento nazisti , alla fine della Seconda Guerra Mondiale, e ospitati nella zona di  Santa Maria al Bagno in attesa di partire per raggiungere Israele o gli Stati Uniti .

Molto interessante la passeggiata nel parco di Portoselvaggio fino al Belvedere dedicato ad una donna Renata Fonte , che ha combattuto e pagato con la vita la sua strenua opposizione alla lottizzazione di questa area;dal Belvedere si gode una vista su tutto il parco e sulla  Torre della Dannata.

Sull’Adriatico  si trova  Tricase Porto con il suo borgo dei pescatori,famosa è  la quercia dei 100 Cavalieri sotto le cui fronde, secondo la leggenda trovarono rifugio Federico II e i suoi 100 cavalieri, e la bottega artigiana del maestro Agostino Branca per scoprire le ceramiche colorate tipiche del Salento.

Il progetto è stato realizzato grazie al Bando Iniziative di Ospitalità della Regione Puglia,Assessorato alle Industrie Turistiche, Servizio Turismo, Programma operativo Regionale FESR- FSE 2014-20120 “Attrattori culturali, naturali e turismo”, Asse VI – Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali -Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche.Destinatario il Comune di Supersano.

Dove dormire e mangiare  a Supersano

Accoglienza raffinata e autentica nella Masseria Pizzofalcone, e nel  B&B A kilometro Zero
Ristoranti :  kilometro Zero, Masseria Le Stanzie, Vecchia Fontana, La Bruschetta
Per risvegliarsi in riva al mare: Grand Hotel Riviera – CDSHotels a Santa Maria al Bagno

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *